STAY HIGH

Monsanto: Cannabis OGM

Aggiornato il: 16/04/15
Il gigante agroalimentare "Monsanto" ha annunciato di aver brevettato il primo ceppo di marijuana geneticamente modificato.
La notizia è stata accolta da scienziati e leader del business agricolo come passo avanti per l'industria della canapa, portando grandi vantaggi verso le nuove politiche pro marijuana negli USA e nel mondo.
Secondo le leggi federali, utilizzare e possedere marijuana è illegale in quando catalogato come droga della Tabella I, anche se in alcuni stati è stata recentemente depenalizzata. Quindi perché Monsanto avrebbe sprecato tanto tempo e denaro per la realizzazione di un OGM illegale?L'idea è che questa grossa multinazionale sia a conoscenza dei futuri piani del governo federale in merito alla legalizzazione della marijuana.

"Attualmente la legge federale criminalizza canapa e derivati poiché l'opinione pubblica è ancora contro di essa. 
La produzione legale di canapa è gestita da piccoli agricoltori che non forniscono una corretta fiducia al mercato e ai finanziatori. Se Monsanto acquisisse la "licenza" di produrre e vendere cannabis, sfruttando gran parte delle terre e gestendo i prodotti commerciali, potrebbe portare fiducia all'interno del governo e nei confronti degli investitori di tale mercato.
Non vi è attualmente modo  per controllare la produzione di marijuana e la qualità dei ceppi, un ceppo OGM prodotto da una società con le credenziali di prestigio come la Monsanto saprebbe sicuramente dare una mano enorme a attivisti, governo e affari." 
Ora questi nuovi ceppi sono in fase sperimentale e nessun piano è stato ancora rilasciato dalla società,  ad autunno verrà presentato un nuovo disegno di legge che potrebbe "allentare le leggi intorno alla marijuana medica", aprendo le porte alla prima produzione massiva di questo OGM. Fonte: worldnewsdailyreport.com




In seguito ad una segnalazione ci siamo resi conto che tale notizia è una Bufala americana, in quanto la Monsanto non ha pubblicato ufficialmente da nessuna parte il fatto di aver progettato il primo OGM di cannabis, rimane comunque un ottimo argomento su cui riflettere e, molto probabilmente, un azione che potremmo realmente osservare in breve futuro.

Come avrete potuto notare il business della marijuana è sempre più monopolizzato e la liberalizzazione che tanto aspettiamo pare più un illusione forzata verso una futura monopolizzazione.

L'unico modo è informare i cittadini e non permettere che anche questa pianta diventi un "prodotto monopolizzato", la canapa deve essere catalogata come prodotto erboristico! Libera e naturale, accessibile a chiunque con prezzi praticamente nulli.







La marijuana è una pianta che necessita di essere impollinata da più piante maschio, è una pianta che nel tempo matura, evolve, si trasforma, un unico ceppo OGM nel giro di breve potrebbe far estinguere i fenotipi più rari, le piante con odori particolari e così via...

Piccolo esempio:
Un tempo i pomodori erano più giallognoli e brutti ma molto gustosi, nel tempo i coltivatori hanno preferito mantenere i tipici pomodori rossi, molto belli ma molto acquosi e poco gustosi.

Lo stesso potrebbe valere per la cannabis, potrebbero sviluppare OGM con altissime percentuali di cannabinoidi, ma senza terpeni andando ad eliminare il tipico forte aroma... Le possibilità sono infinite, speriamo che scienziati ed esperti abbiano tenuto in considerazione questi fattori.

Quindi da una parte Monsanto spingerà le politiche mondiali a legalizzare la cannabis, dall'altra si imporrà come maggiore produttrice, vi creerà un monopolio e farà perdere le varie qualità che caratterizzano le tipologie di cannabis.

E voi cosa ne pensate?






PACO HEFU

Mi occupo principalmente di web marketing e grafica, con la passione per la cannabis. Così ho deciso di creare un Blog di libera informazione che non tratti solo di canapa, ma di libertà, spiritualità e ribellione... Beh, buona permanenza e buona lettura! STAY HIGH
Fondatore: Fattone.it

Nessun commento:

Item Reviewed: Monsanto: Cannabis OGM Rating: 5 Reviewed By: Paco D. Hefu