STAY HIGH

Studio su Scientific Report: la marijuana è 114 volte meno letale dell'alcool

Stando a uno studio pubblicato su Scientific Reports, inserto della rivista Nature, l'alcool è la droga più pericolosa di tutte, poiché la sua assunzione è connessa con un elevatissimo rischio di mortalità. Guardando il grafico realizzato dagli studiosi, la marijuana sarebbe invece di gran lunga la droga più "sicura", con un rischio di mortalità davvero basso.
Confrontando le dosi normalmente utilizzate dai consumatori, i ricercatori hanno osservato il comportamento di varie droghe sull'organismo: alcool, eroina, cocaina, tabacco, ecstasy, meth e marijuana. Ovviamente nessuna di queste sostanza è immune da controindicazioni, ma osservando il grafico è possibile appurare che l'alcool sarebbe addirittura più pericoloso dell'eroina e della cocaina per quanto riguarda il rischio di mortalità, e ben 114 volte più letale della marijuana.

Questi risultati confermano gli studi sulla sicurezza delle droghe elaborati già da 10 anni, ma, secondo molti - primo fra tutti l'Huffington Post -, non ne sono solo una riaffermazione. Potrebbero infatti aiutare a spingere nella direzione della legalizzazione della marijuana, dibattito molto acceso in parecchi Paesi. "Ci sono, naturalmente, un certo numero di rischi connessi con l'uso della marijuana" tengono comunque a sottolineare gli autori del GruppoEspresso.
"Detto questo, ci sono anche rischi associati a tutto quello che immettiamo nel nostro corpo", puntualizza d'altro canto il Washington Post. "Mangiare troppo zucchero ci mette a rischio carie e diabete. Troppo sale aumenta le probabilità di avere un ictus. Le sostanze psicoattive, come marijuana e alcool, non sono affatto le uniche sostanze non esenti da rischi".
Gli studiosi responsabili dello studio concludono: "Quando si tratta di marijuana, poiché i rischi relativi all'assunzione sono bassi, si potrebbe pensare a un approccio legale e regolamentato piuttosto che illecito".
La questione andrebbe riaperta soprattutto in Italia, visto che, nonostante l'abolizione della legge Fini-Giovanardi per incostituzionalità (principalmente perché non distingueva le sostanze psicotrope in droghe "leggere" e "pesanti"), i consumatori continuano a vivere venendo considerati come dei criminali dallo Stato. 

Il problema, a livello generale, resta sempre lo stesso: il rapporto mafia-politica
Da una parte le cosche controllano infatti la maggior parte dei traffici di droga dilaganti nel nostro Paese, dall'altra la politica è sempre più invischiata in affari di ogni tipo con i clan mafiosi, che utilizzano soldi riciclati per finanziamenti illeciti.
Basti pensare per esempio alle elezioni del 2008, anno in cui, a Napoli, il centrodestra finanziò la propria campagna elettorale tramite i soldi derivanti dallo spaccio di hashish delle cosche napoletane (fatto sul quale rivolse la sua attenzione anche Roberto Saviano, quando parlò per la prima volte della legalizzazione delle droghe leggere in un articolo de L'Espresso).
Risulta chiaro quindi che un avviato processo di legalizzazione sfavorirebbe in primis le mafie, e di conseguenza i loro "clienti", ed è dunque questo il palese il motivo per cui in Italia si debba sempre faticare  prima di arrivare a prendere in considerazione la questione delle droghe leggere.


Fonti:









Nessun commento:

Item Reviewed: Studio su Scientific Report: la marijuana è 114 volte meno letale dell'alcool Rating: 5 Reviewed By: Andrea Red