STAY HIGH

Giovanni Zilioli - Sotto i Cieli del Tibet



Nell'autunno del 2005 sei amici partono dalla bassa e piatta pianura Padana per raggiungere Lhasa, capoluogo del Tibet. Qui inforcano le loro biciclette e cominciano a pedalare a un'altitudine di 4000/5000 metri giungendo a Kathmandu, in territorio nepalese. Raggiungere a pedali il Tetto del Mondo è per loro un'avventura estrema ma anche un percorso spirituale in grado di annientare le barriere razionali e di condurli nel terreno del sogno, e dell'immaginazione. L'autore, Giovanni Zilioli, poeta e ciclista, alterna descrizioni prosaiche, riflessioni mistico-religiose e poesie a momenti di pura estasi.


Palazzo del Potala, Lhasa (Tibet)

Vi è inoltre per tutto il libro un'accurata descrizione delle sofferenze che il popolo tibetano ha subito dopo all'invasione cinese del 1959: il Dalai Lama fuggì in esilio in India, mentre molti dei prelati secondari (tra cui il Panchin Lama, vice del Dalai Lama) furono invece deportati nei Laojiao (campi di deportazione e lavoro forzato, che per la comunità internazionale non esistono). Da allora il Dalai Lama risiede a Dharamsala, sede del governo in esilio del Tibet. Innumerevoli monumenti sono stati rasi al suolo, manoscritti di migliaia di anni bruciati, e la religione Tantrayāna (forma locale di Buddhismo) ostracizzata dalla maggioranza della popolazione Han, che ha di fatto colonizzato il Tibet, attuando una segregazione della popolazione tibetana, privata della religione e relegata ai lavori di minore importanza, spesso cacciati dalle zone di secolare residenza.

Libro consigliato a tutti i ciclisti e a tutti coloro interessati al destino del Tibet.


Bandiera tibetana


Nessun commento:

Item Reviewed: Giovanni Zilioli - Sotto i Cieli del Tibet Rating: 5 Reviewed By: Ozy Mandias