STAY HIGH

Cannabis, i sindaci d'Olanda chiedono la legalizzazione della coltivazione



Paesi Bassi: 35 primi cittadini vogliono aprire alla coltivazione. Per stoppare la criminalità organizzata.



lettera43.it - Mentre l'Italia si interroga sulla legalizzazione della marijuana e soprattutto sull'abolizione della Fini-Giovanardi, in Olanda, terra dello spinello libero, dove persino Miley Cyrus fa fatica a fare scandalo, i sindaci chiedono la legalizzazione della coltivazione.

Il modello olandese infatti crea non pochi problemi secondo i primi cittadini di Amsterdam, Rotterdam e Utrecht e gli amministratori di altri 32 capoluoghi di provincia dei Paesi Bassi.


«UN MODELLO INSOSTENIBILE». Nella patria dei coffee shop le piantagioni di cannabis sono illegali. E il risultato è che la catena della produzione e del commercio è spaccata a metà tra chi è in regola con le norme dello Stato e chi è fuori legge. E la metà che può proliferare alla luce del sole alimenta floride reti criminali celate nell'ombra.

«Questo modello è instostenibile», ha lamentato il sindaco di Amsterdam, Ahmed Aboutaleb, alla televisione pubblica. A maggior ragione se il mondo sta correndo più veloce e i Paesi Bassi rischiano di restare indietro.


«Coltiviamo cannabis e diamo i ricavi agli enti locali»


Il fronte dei sostenitori della coltivazione conta politici insospettabili. «Il mondo», ha fatto notare l'economista liberale Frits Bolkestein in una grande conferenza dedicata all'argomento, «sta cambiando orientamento». Bolkestein, noto per la direttiva di liberalizzazione dei servizi nell'Unione europea (Ue), è stato commissario al mercato interno nella commissione di Romano Prodi. Prima di diventare leader dei liberali di Amsterdam, ha lavorato alla Shell e per le multinazionali della farmaceutica e ha partecipato almeno due volte a riunioni del ristrettissimo gruppo Bilderberg che rappresenta il gotha dell'economia mondiale.



1,05 MILIARDI DI INCASSI PREVISTI. E forse è proprio il suo background a fargli immaginare le sette punte della foglia di marijuana spuntare accanto alle distese di tulipani rossi, gialli e viola. Secondo uno studio citato dal direttore del magazine economico Z24, Arend van den Berg, la coltivazione potrebbe portare nelle casse olandesi circa 1,05 miliardi di euro l'anno.

L'impressione è che i liberali olandesi non vogliano rimanere indietro. Il Paese che ha liberalizzato lo spinello nei lontani Anni 70 facendo da apripista nel mondo intero ora si vede superato da nazioni che fino a pochi anni fa vedevano nelle droghe leggere il male quasi assoluto. Gli Stati Uniti si sono lasciati alle spalle la guerra reganiana alla droga. E da quest'anno sia ilColorado sia lo Stato di Washington hanno legalizzato l'intero ciclo della cannabis dai campi fino alla vendita al consumatore.
Per non parlare dell'Uruguay che ha approvato una legge per legalizzare la vendita della cannabis attraverso una rete di farmacie di proprietà statale.




FAVOREVOLE IL 60% DEI CITTADINI. «Gli enti locali possono amministrare i campi e utilizzare i proventi delle vendite», propongono i sindaci rilanciando la coltivazione. Il 60 % dei cittadini sarebbe favorevole. E i puristi della concorrenza pure.

Nessun commento:

Item Reviewed: Cannabis, i sindaci d'Olanda chiedono la legalizzazione della coltivazione Rating: 5 Reviewed By: liberate maria