STAY HIGH

Amanita Muscaria e cannabis, somiglianze?


amanita muscaria

Parliamo spesso di cannabis, ma nella nostra flora spontanea esistono altre sostanze psicoattive che possono eguagliare se non superare gli effetti della canapa. Prendiamo ad esempio un comunissimo fungo che tutti conoscono, l'Amanita muscaria.
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Vorrei specificare che l'uso di questo fungo può essere letale se non si conoscono bene le modalità di assunzione e quello scritto qui sotto è solo un accenno agli usi e agli effetti, quindi FATE ATTENZIONE!
----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
L'A. muscaria è conosciuto da sempre come il fungo usato, fin dai tempi più antichi  nei riti sciamanici, per provocare allucinazioni.

CARATTERISTICHE GENERALI
La Amanita muscaria conosciuta anche come (Agaricus muscarius o Agaricus pseudo aurantiacus) il cui nome volgare è Ovulo malefico,  Ovolaccio,  Cocc fals,  fungo dei pazzi, Moscaria o  fly agaric (per gli inglesi) è un fungo che appartiene alla classe dei Basidiomiceti ed alla famiglia delle Amanitaceae che comprende più di 10.000 specie con oltre un centinaio di generi. Nell'ordine delle Agaricales, il genere Amanita è sicuramente quello più studiato e conosciuto.
E' tra i funghi più diffusi e conosciuti questo dovuto anche al fatto che la sua presenza non passa inosservata data la vivacità dei suoi colori.  E' molto bello da vedersi potendo infatti trovare delle specie che possono raggiungere anche i 25 cm di altezza.
Il cappello (il corpo fruttifero del fungo)   si presenta carnoso ed allo stadio giovanile è chiuso ed a forma emisferica che, una volta maturo,  si apre assumendo la classica forma a fungo che tutti conosciamo. Al tatto rimane viscido di colore rosso molto vivo o aranciato o giallastro ricoperto normalmente da delle piccole vescicole  di solito bianche o tendenti al giallino che altro non sono che brandelli del velo (una sorta di protezione che si forma quando si sta sviluppando il fungo) di colore bianco che rimangono aderenti alla parte superiore del cappello.
Altri frammenti di velo li vediamo nella parte alta del gambo a formare una sorta di collare.
Il cappello è sorretto da un gambo, tipicamente cilindrico, per lo più pieno (cavo nella parte centrale) che rimane ingrossato nella parte bassa a formare una sorta di bulbo formando dei cerchi concentrici di colore bianco. 
Nella parte bassa presenta numerose lamelle, molto fitte,  bianche o leggermente giallastre che sviluppano l'imenio, la parte fertile del fungo dalla quale si formano le spore (i "semi" dei funghi per intendersi).
Se si taglia il fungo si nota che all'interno la polpa è bianca appena sotto la cuticola del cappello mentre più sotto rimane di colore giallastro con odore e sapore insignificanti.
Le spore  sono bianche ed il loro numero è quasi incalcolabile nell'ordine dei miliardi nel corso di un anno. 
Ci sono diverse varietà che differiscono tra loro per il diverso colore del cappello variando dal giallo più o meno intenso all'arancione.
E' facile trovarla sia d'estate che in autunno nei boschi di conifere e di latifoglie anche se ha un gran numero di piante ospiti che vanno dal pino, al pioppo, all'abete, alla betulla. 
Viene considerata la prima sostanza psicoattiva usata dall'uomo nei secoli passati e la sua presenza è verificata dal Giappone, all'Europa e persino in America.
Con il tempo l'uso di questo fungo si perse e gli antropologi attribuiscono questo sia ai grandi cambiamenti sociali e culturali avvenuti nel Neolitico sia all'avvento del cristianesimo che ha combattuto da sempre l'uso delle sostanze psicoattive considerate riti pagani.    Praticamente solo quando l'Amanita muscaria venne assunta al ruolo di "pianta allucinogena" divenne un fungo velenoso.
PRINCIPI ATTIVI
E' stato accertato che la quantità di queste sostanze psicoattive è molto variabile a seconda del luogo di provenienza dell'Amanita. Ecco perchè gli effetti del fungo non sono sempre uguali. Da questo fungo sono state isolate diverse sostanze:

Le principali sostanze, isolate in laboratorio e responsabili degli effetti allucinogeni sono: l'Acido ibotenico, il Muscimolo ed in minor misura il Muscazone.
L'acido ibotenico non attraversa il sangue del cervello tal quale ma viene trasformato in parte in Muscimolo mentre la restante parte viene eliminata. L'azione viene quindi svolta dal Muscimolo che funziona come antirecettore GABA (gaba antagonista).  Si è visto che è particolarmente attivo nel cervelletto, nella corteccia cerebrale e nell'ippocampo.
Il Muscimolo, viene espulso tal quale dalle urine, senza essere metabolizzato e questo spiega l'usanza  testimoniata da vari scritti, di bere l'urina di chi ha mangiato questi funghi (per poter avere l'effetto allucinogeno) in quanto il Muscimolo passa attraverso i reni senza essere modificato per cui l'urina avrebbe lo stesso effetto dell'Amanita senza però gli effetti negativi di nausea e vomito provocati dalla Muscarina che non si ritrova nelle urine quindi in qualche modo viene metabolizzata. L'uso di bere l'urina a noi occidentali fa inorridire ma per i popoli nativi americani ed orientali era una cosa normale usarla come disinfettante e medicinale. Pertanto non deve apparire strano il fatto che bevessero l'urina di chi aveva ingerito l'Amanita muscaria.    
L'acido ibotenico diventa comunque naturalmente con il tempo Muscimolo, un composto più stabile. Questo fatto è legato alla tradizione per la quale gli indigeni siberiani lasciano seccare al sole o al fuoco il fungo in modo che i suoi effetti siano più potenti. Utilizzavano inoltre i funghi di dimensioni più piccole e con molte "macchiette bianche" in quanto si diceva che erano più potenti di quelli più grandi e di colore sbiadito.
Altro principio è la Muscarina, un alcaloide, scoperto nel 1869. Quando fu scoperta si pensava che fosse lei la responsabile delle proprietà allucinogene del fungo. In realtà successivamente si è scoperto che la sua azione è del tutto secondaria, ma è responsabile dei sintomi di nausea, vomito e visione offuscata. Tra l'altro è presente in quantità minime di circa 2,5 mg/kg. 
In minor quantità sono presenti Vanadio, Atropina e Bufotenina.

COME VIENE UTILIZZATA
Tradizionalmente venivano usate secche in quanto fresche provocavano il vomito. Il loro effetto inizio circa 2-3 ore dopo l'assunzione e dura circa 6-8 ore.
Alcuni fumano l'amanita secca con effetto quasi istantaneo ma di breve durata.
E' impossibile dare indicazioni certe sulle dosi minime che possono essere tossiche in quanto varia da fungo a fungo e dalla zone dove è cresciuto. Solo un'esame chimico può dire la percentuale di principio attivo presente.
Si sa che koryak come i chukchis erano soliti far seccare questi  funghi in mazzi di tre che era considerata la dose media. Una volta asciugati e resi friabili li prendevano con un po' di acqua. Oppure venivano masticati direttamente.
La bibliografia su questo fungo è molto vasta. In ogni caso molti studiosi affermano che se viene mangiato tal quale, senza adeguata preparazione, è mortale, viceversa se trattato in maniera adeguata, considerando che le sue tossine sono solubili in acqua, può essere assunto senza problemi come avviene tutt'oggi in Giappone ed in alcune zone  nel sud della Francia e della Spagna dove consumano il fungo per i suoi effetti psicoattivi.
La maggioranza dei testi micologici ne sconsigliano comunque qualsiasi tipo di utilizzo alimentare.

EFFETTI
A  livello fisico ha effetti stimolanti nei confronti del sistema parasimpatico provocando sudorazione, contrazione delle pupille, diminuzione del battito cardiaco ed aumento della peristalsi intestinale, nausea, disorientamento.  
Non sono stati segnalati danni fisici per un uso prolungato di questo fungo nè si sa che provoca dipendenza.
A bassi dosaggi  provoca una sensazione di ebbrezza, maggiore forza fisica con alterazione della vista vedendo gli oggetti di dimensioni diverse dal reale. Chi ha studiato gli effetti che provocano questi funghi ha appurato che i suoi effetti sono molto soggettivi e variano parecchio da persona a persona. 

LEGISLAZIONE
E' considerata legale in quasi tutti gli stati in quanto non è annoverata tra le sostanze psicoattive per cui può essere tranquillamente coltivata, venduta e posseduta. Un'eccezione è lo stato della Louisiana, negli Stati Uniti dove l’utilizzo di questo fungo non è legale se riferito all’uomo mentre è permesso il possesso e la coltivazione per scopi rigorosamente estetici, paesaggistici e decorativi.  

CURIOSITA' 
Alcuni studiosi hanno fatto osservare che questo fungo, considerato velenoso, "oggetto del maligno" sia in realtà sempre associato con immagini belle, soprattutto nei paesi mediterranei. Ad esempio, avete mai fatto caso come mai i bambini quando disegnano un fungo lo disegnano con il cappello rosso ed i puntini bianchi? Oppure, avete fatto caso che le case degli gnomi e della fate sono sempre rappresentate con il cappello rosso ed i puntini bianchi? In pratica è associato a figure magiche, quindi si può ricollegare alle sue origini sciamaniche che sono rimaste sopite ma pur presenti, nella cultura attuale.
Nella favola originale "Alice nel paese delle meraviglie" di Lewis Caroll illustrata Sir John Tenniel, quando Alice incontra il bruco, nel capitolo V, Alice si trova davanti un gigantesco fungo sulla cui sommità si trova un bruco con una pipa, quella tipica per fumare l'oppio,   che ascolta le lamentele di Alice per essere troppo piccola di statura ed il bruco alla fine le dice: "Un lato ti farà diventare più alta e l'altro ti farà diventare più bassa"  Ed Alice risponde: "Un lato di che cosa? E l'altro lato di che cosa?” 
"Del fungo", disse il Bruco, come se Alice lo avesse interrogato ad alta voce e subito scomparve.

Questo può essere tranquillamente ricollegato al fatto che uno degli effetti dell'Amanita muscaria è quello di vedere le cose di dimensioni diverse da quello che in realtà sono (o molto grandi o molto piccole). E mangiando il fungo Alice cambia le sue dimensioni.

-Kokopelli-

Nessun commento:

Item Reviewed: Amanita Muscaria e cannabis, somiglianze? Rating: 5 Reviewed By: Freed From Music